10 ANNI DI CEA FESTEGGIATI CON UN PRIMO POSTO

//10 ANNI DI CEA FESTEGGIATI CON UN PRIMO POSTO

Al suo decimo compleanno il CEA “Ortonammare” festeggia con un bel primo posto nella graduatoria regionale dei progetti nanziati per i centri di educazione ambientale della Regione Abruzzo. Il progetto, nato dalla collaborazione di più professionalità col referente CEA Tito Vezio Viola, ha come intento principale quello di migliorare l’educazione alla tutela e alla conservazione delle Riserve Naturali Regionali Punta dell’Acquabella e Ripari di Giobbe, oltre che ampliare la formazione dei docenti e dei cittadini del territorio comunale su tematiche quali la mitigazione dei cambiamenti climatici, l’analisi dei servizi ecosistemi delle aree naturali e l’importanza della raccolta differenziata.

Il progetto ha come scopo quello di aumentare la consapevolezza degli impatti antropici sugli ambienti naturali. Infatti aumentando il livello di conoscenza delle risorse naturali e la consapevolezza della rilevanza del patrimonio ambientale si riesce ad migliorare la percezione del danno ambientale come di interesse pubblico. Il progetto si pone come esperienza innovativa e sperimentale in grado di coniugare nuove metodologie di educazione ambientale in riferimento ai cambiamenti climatici in atto, l’educazione alla prevenzione degli incendi boschivi soprattutto se di gran pregio e in aree protette, con la competenza specica nel settore delle attività di prevenzione e di sensibilizzazione della popolazione nell’ambito della lotta agli incendi boschivi.

Il progetto si svolgerà da maggio ad ottobre 2018 presso le sedi operative del CEA Ortonammare con uscite alla scoperta delle Riserve Naturali Regionali Punta dell’Acquabella e Ripari di Giobbe e del ‘Parco delle Dune’ in località Ghiomera.

Sono previsti tre momenti formativi:

  • il primo riguarda le classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado, per un totale di 20 classi con la partecipazione di circa 400 alunni e 40 docenti, con tre percorsi di educazione ambientale volte alla conoscenza della biodiversità del territorio naturale e urbano e all’analisi dei servizi ecosistemici offerti dalle aree naturali e i possibili scenari prodotti dai cambiamenti climatici;
  • il secondo riguarda un corso di formazione per un massimo di 20 docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, articolato in lezioni frontali e laboratoriali, per approfondire le conoscenze sui sistemi naturali e sulle metodologie e le strategie formative nelle attività di educazione ambientale;
  • il terzo riguarda una specifica attività di approfondimento con modalità di workshop sulle tematiche ambientali rivolta alla cittadinanza e ai diversi portatori d’interesse nell’ottica di una partecipazione attiva della popolazione alla conservazione degli ambienti naturali presenti sul territorio comunale e a corretti comportamenti di riduzione di impatto.

Il progetto si concluderà con un evento finale nel quale verranno esposti gli elaborati artistici, digitali e altro prodotti durante i percorsi di educazione ambientale con le scuole per favorire la disseminazione dei risultati anche agli studenti non partecipanti, oltre che all’intera cittadinanza.

Il CEA Ortonammare si avvarrà non solo delle proprie risorse umane e del personale della biblioteca comunale di Ortona (BCO), ma anche del personale tecnico-scientifico dello IAAP (Istituto Abruzzese per le Aree Protette), del WWF Costa Frentana e Teatina e del CAI sede di Ortona che insieme all’amministrazione ortonese sono impegnati nella gestione delle aree protette del territorio comunale, del personale tecnicoscientifico del progetto PACC Abruzzo “Resilienza e politiche di adattamento ai cambiamenti climatici” e dei responsabili di EcoLan, azienda che cura il servizio di raccolta differenziata del comune di Ortona.

(Fonte: Notiziario IAAP n.02/2018)

dieci anni cea ortonammare

By |2018-09-12T17:11:36+00:00Settembre 6th, 2018|News|0 Comments

About the Author: